venerdì 2 luglio 2010

treni e butta dentro


Pochi giorni fa guardavo un programma che parlava dei trasporti in Italia e nel mondo.
La situazione in Italia è drammatica ritardi incidenti stazioni che vengono chiuse etc…
Insomma un vero macello.
In Giappone le cose non vanno così per fortuna
lo Shinkansen, il treno superveloce, lo scorso anno ha infatti accumulato ben 12 secondi di ritardo su linee lunghe 1.500 chilometri, con convogli che si susseguono ogni 15 minuti circa.
Sì, avete letto bene: 12 secondi di ritardo in un anno - e si sono scusati, pure.
L'obiettivo dichiarato per il futuro è di scendere a 0 secondi di ritardo, mantenendo invariato il livello di sicurezza del sistema.
Credo che questo sia fantastico per tutte le persone che hanno bisogno di spostarsi con il treno
ma come ci comporteremo noi travandoci dietro un Butta Dentro che ci spinge addosso ad altre persone in modo da starci tutti ??
Io stavo per morire mi sono trovata addosso tantissime persone e per poco non respiravo , ora spiego meglio
Per prendere il treno o la metropolitana , ci si deve mettere in fila dietro le altre persone in attesa, che saranno perfettamente allineate in fila per due e lasceranno prima scendere i passeggeri per poi salire. Un oshiya, "butta-dentro" delle ferrovie nazionali, risolve un problema giapponese di etichetta: il passeggero è determinato a entrare per raggiungere in orario il posto di lavoro, ma le porte della vettura non si chiudono finchè non è entrato o non è uscito. Gli altri passeggeri sono troppo educati per interferire, così, con perfetti guanti bianchi, lo si aiuta a decidersi.
Posta un commento